26 Novembre 2020
novità

I diritti dei genitori non collocatari e l'emergenza COVID-19

21-04-2020 11:34 - News giuridiche
L'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da coronavirus ha avuto ovviamente notevoli ripercussioni nei rapporti tra genitori separati o divorziati in merito al diritto dovere di chi tra loro è genitore non collocatario di vedere e tenere con sé i figli minori secondo quanto stabilito nei provvedimenti che regolano la separazione o il divorzio.
Al diritto dovere del genitore non collocatario si contrappone infatti l'esigenza, avvertita dall'altro genitore, di protezione dei figli minori dal rischio contagio e, conseguentemente, a difesa del loro diritto alla salute, di evitare gli spostamenti, senza dimenticare che il genitore non collocatario potrebbe vivere in un ambiente più esposto al rischio contagio per i contatti lavorativi o per trovarsi in una zona in cui la pandemia ha avuto comunque maggiore incidenza sulla popolazione residente.
Tra l'altro, l'esposizione a rischio contagio potrebbe porre in pericolo l'ambiente in cui normalmente risiedono i minori, con possibilità di importare il virus nel loro usuale domicilio.
Queste ragioni sono state ritenute sufficienti dal Tr. Bari, ordinanza 26 marzo 2020, per sospendere gli incontri tra figli e genitori non collcatari e per prevedere una loro temporanea sostituzione con videochiamate o l'utilizzo di skipe.
Tr. Milano, sentenza 11 marzo 2020 ha invece dato al problema soluzione diametralmente opposta, sostenendo cioè la prevalenza del diritto agli incontri tra genitori e figli sulle limitazioni alla libertà di circolazione e spostamento previste per contenere la pandemia.
Se il Tribunale di Bari ha ritenuto quindi che il diritto di visita del genitore non debba essere qualificato come motivo di assoluta urgenza idoneo a giustificare lo spostamento da un comune ad un altro, come noto vietato dal DPCM del 22.3.2020 fino al 3 aprile 2020 (termine poi prorogato sino al 3 maggio 2020), è doveroso però ricordare come lo stesso Governo abbia dato indicazione contraria, sulla linea adottata dal Tribunale meneghino, specificando in una FAQ del 9 aprile 2020 apparsa sul sito online del Ministero dell'Interno che “gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l'altro genitore o comunque presso l'affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche da un Comune all'altro. Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario, nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori”.
Il fatto che il Governo autorizzi espressamente gli spostamenti per garantire i rapporti tra figli e genitori così come già regolamentati dai Giudici non significa certo che non debba garantirsi il diritto alla salute del minore e che i Tribunali eventualmente chiamati a pronunciarsi sulla questione non debbano valutare attentamente i casi concreti e non debbano quindi contemperare le diverse esigenze in campo, non potendosi non considerare specificità quali l'età del minore, la possibile sua esposizione a contatti pericolosi nel domicilio del genitore non collocatario per la presenza di persone fragili o esposte al rischio contagio per motivi di lavoro, la distanza tra il domicilio del genitore collocatario ed il domicilio di quello non collocatario, la presenza in quest'ultimo domicilio di un rischio più elevato per la forte presenza del virus nel territorio comunale.
In ogni caso, i Tribunali, ed auspicabilmente prima ancora i genitori, dovranno avere come parametro ineludibile l'interesse prioritario dei figli minori.





Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo 679/2016
Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo 679/2016.
Gentile cliente,
ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo (UE) 2016/679 (di seguito GDPR), e in relazione ai dati personali di cui lo studio entrerà nella disponibilità con l’affidamento della Sua pratica, Le comunichiamo quanto segue:
Titolare del trattamento e responsabile della protezione dei dati personali
Titolare del trattamento è lo studio legale Ulacco Memmo in persona degli Avv.ti Avv. Giulio Ulacco e Gioia Memmo, con domicilio eletto in Lanciano (Ch) Via Fenaroli 13.
Il Titolare può essere contattato mediante pec all´indirizzo avv.gulacco@cnfpec.it.
Lo studio legale del Titolare non ha nominato un responsabile della protezione dei dati personali (RPD ovvero, data protection officer, DPO.
Finalità del trattamento dei dati
Il trattamento è finalizzato alla corretta e completa esecuzione dell’incarico professionale ricevuto, sia in ambito giudiziale che in ambito stragiudiziale. I suoi dati saranno trattati anche al fine di:
adempiere agli obblighi previsti in ambito fiscale e contabile; rispettare gli obblighi incombenti sul professionista e previsti dalla normativa vigente.
I dati personali potranno essere trattati a mezzo sia di archivi cartacei che informatici (ivi compresi dispositivi portatili) e trattati con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate.
Base giuridica del trattamento
Lo studio del professionista tratta i Suoi dati personali lecitamente, laddove il trattamento:
sia necessario all’esecuzione del mandato, di un contratto di cui Lei è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta;
sia necessario per adempiere un obbligo legale incombente sul professionista;
sia basato sul consenso espresso.
Conseguenze della mancata comunicazione dei dati personali
Con riguardo ai dati personali relativi all´esecuzione del contratto di cui Lei è parte o relativi all´adempimento ad un obbligo normativo (ad esempio gli adempimenti legati alla tenuta delle scritture contabili e fiscali), la mancata comunicazione dei dati personali impedisce il perfezionarsi del rapporto contrattuale stesso.
Conservazione dei dati
I Suoi dati personali, oggetto di trattamento per le finalità sopra indicate, saranno conservati per il periodo di durata del contratto e, successivamente, per il tempo in cui il professionista sia soggetto a obblighi di conservazione per finalità fiscali o per altre finalità,previsti, da norme di legge o regolamento.
Comunicazione dei dati
I Suoi dati personali potranno essere comunicati a:
1. consulenti e commercialisti o altri legali che eroghino prestazioni funzionali ai fini sopra indicati;
2. istituti bancari e assicurativi che eroghino prestazioni funzionali ai fini sopra indicati;
3. soggetti che elaborano i dati in esecuzione di specifici obblighi di legge;
4. Autorità giudiziarie o amministrative, per l’adempimento degli obblighi di legge.
Profilazione e Diffusione dei dati
I Suoi dati personali non sono soggetti a diffusione né ad alcun processo decisionale interamente automatizzato, ivi compresa la profilazione.
Diritti dell’interessato
Tra i diritti a Lei riconosciuti dal GDPR rientrano quelli di:
chiedere al professionista l´accesso ai Suoi dati personali ed alle informazioni relative agli stessi; la rettifica dei dati inesatti o l´integrazione di quelli incompleti; la cancellazione dei dati personali che La riguardano (al verificarsi di una delle condizioni indicate nell´art. 17, paragrafo 1 del GDPR e nel rispetto delle eccezioni previste nel paragrafo 3 dello stesso articolo); la limitazione del trattamento dei Suoi dati personali (al ricorrere di una delle ipotesi indicate nell´art. 18, paragrafo 1 del GDPR);
richiedere ed ottenere dal professionista - nelle ipotesi in cui la base giuridica del trattamento sia il contratto o il consenso, e lo stesso sia effettuato con mezzi automatizzati - i Suoi dati personali in un formato strutturato e leggibile da dispositivo automatico, anche al fine di comunicare tali dati ad un altro titolare del trattamento (c.d. diritto alla portabilità dei dati personali);
opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei Suoi dati personali al ricorrere di situazioni particolari che La riguardano;
revocare il consenso in qualsiasi momento, limitatamente alle ipotesi in cui il trattamento sia basato sul Suo consenso per una o più specifiche finalità e riguardi dati personali comuni (ad esempio data e luogo di nascita o luogo di residenza), oppure particolari categorie di dati (ad esempio dati che rivelano la Sua origine razziale, le Sue opinioni politiche, le Sue convinzioni religiose, lo stato di salute o la vita sessuale). Il trattamento basato sul consenso ed effettuato antecedentemente alla revoca dello stesso conserva, comunque, la sua liceità;
proporre reclamo a un´autorità di controllo (Autorità Garante per la protezione dei dati personali – www.garanteprivacy.it).
torna indietro leggi Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo 679/2016  obbligatorio